Indagini geotecniche: quale è la migliore opzione?

Le prove geotecniche sono eseguite da ingegneri geotecnici, tecnici o geologi per comprendere le caratteristiche, ad esempio le proprietà fisiche, che esistono sotto un sito di lavoro.

Una parte essenziale della pianificazione e costruzione dei progetti di edifici e infrastrutture (tra cui fondamenta, strade, ponti, scavi, bonifiche, ecc.) è la conoscenza delle condizioni del sottosuolo. Pertanto è cruciale assicurarsi di ottenere risultati accurati e veritieri su tali condizioni, attraverso le indagini geotecniche.

Ricorda anche che l’indagine geotecnica, con i relativi servizi, in questi casi deve sempre essere eseguita. La loro natura ed estensione dipendono dal tipo di struttura, dalle dimensioni della struttura e dalle condizioni del suolo previste.

Le prove geotecniche sono condotte attraverso la caratterizzazione del sito, le prove di laboratorio e l’interpretazione professionale dei dati ottenuti per completare la progettazione e la costruzione del miglioramento del sito.

Esistono 3 principali tipi di indagini geotecniche: trincee esplorative, perforazioni e prove in sito.

Trincee esplorative

Le trincee esplorative comportano lo scavo di una fossa allungata su una certa distanza per stabilire come le condizioni del sottosuolo cambiano in varie parti del cantiere. Questo metodo permette di identificare diversi cambiamenti sedimentari su una distanza più lunga.

Una gamma di campionatori di suolo può essere usata per estrarre campioni da queste trincee per l’analisi di laboratorio e l’identificazione visiva.

Prove geotecniche in sito

Perforazioni

Le perforazioni, di solito eseguite da un impianto di perforazione e da una squadra di perforatori, possono variare in diametro e forniscono l’opportunità di valutare la densità del terreno attraverso test di penetrazione standard (SPT) per rimuovere fisicamente campioni di terreno o roccia per la valutazione e il test.

I sondaggi offrono il vantaggio di misurare la densità sul campo e di permettere di osservare i materiali effettivamente estratti. Generalmente, i campioni di terreno dai test di cui sopra vengono portati in un laboratorio dove vengono valutati. I sondaggi ti offrono l’opportunità di impostare dei piezometri per valutare le fluttuazioni stagionali della falda acquifera.

Prove in sito

I metodi di prova in sito includono prove di penetrazione come le prove di penetrazione standard (SPT), tecniche di indagine basate sulla percussione, metodi di perforazione a vibrazione sonica, e varie prove statiche di penetrazione diretta del cono (CPT).

Le prove in sito offrono i vantaggi di generare una valutazione più accurata delle condizioni del sottosuolo, consentendo una migliore analisi dei dati e una progettazione geotecnica informata.

Un corretto test dovrebbe essere specifico per la giusta situazione e dovrebbe utilizzare più strumenti per sviluppare una valutazione accurata degli strati del sottosuolo. Comprendere i diversi tipi di metodi di prova disponibili e i vantaggi di ciascuno può ridurre significativamente le incertezze e danni futuri.

Carota del ponte Morandi

In conclusione

Se siete interessati alle indagini geotecniche qui sopra indicate, è sempre meglio affidarsi a professionisti certificati del settore, come quelli in Foldtani.

Se sei interessato ad altri articoli riguardanti la geotecnica ed eventuali detrazioni sui lavori, clicca qui.

La detrazione del 110% su interventi antisismici e geotecnici

L’Italia, a causa della sua geografia, è un territorio particolarmente soggetto ad eventi di natura sismica. Essi tendono a causare gravi danni, per via dell’inadeguato adempimento di indagini antisismiche e geotecniche nelle zone più colpite. Per questo motivo attuare interventi antisismici e geotecnici sulla propria casa non è solo una garanzia della sua integrità se colpita da un terremoto, ma anche sulla propria salute.

Di conseguenza il superbonus al 110% sugli interventi antisismici e geotecnici dovrebbe essere considerato attentamente da chiunque viva in una zona a rischio.

In questo articolo tratteremo di come ottenere il superbonus sugli interventi antisismici e geotecnici, in modo tale da chiarire le idee a chi vorrebbe utilizzarlo, ma non ha le conoscenze necessarie per farlo.

geotecnica in azione con penetrometro dinamico
La foldtani alle prese con il proprio penetromentro dinamico

Gli interventi antisismici e geotecnici detraibili

Gli interventi antisismici e geotecnici che danno diritto al superbonus del 110% sono tutti quelli compresi nell’attuale sismabonus con limite di spesa di 96.000 euro per unità immobiliare, ma senza vincoli sul numero massimo di immobili. Infatti, l’unico requisito richiesto è che le abitazioni si trovino nella zona sismica 1, 2 o 3.

Non si deve dimenticare che prima di intervenire, è sempre necessario fare una indagine geotecnica e sismica. Gli interventi relativi al sismabonus devono essere svolti da professionisti incaricati della progettazione strutturale, direzione lavori delle strutture e collaudo statico secondo le rispettive competenze. Inoltre essi devono essere iscritti ai relativi Ordini o Collegi professionali di appartenenza.

Queste indagini fortunatamente sono a loro volta detraibili attraverso il sismabonus. Tenete presente che questo tipo di indagini sarebbero obbligatorie per le opere in cemento armato, come scritto nell’NTC 2018.

I limiti delle spese ammesse al sisma bonus sostenute entro il 30/06/2022, sono aumentati del 50% per gli interventi di ricostruzione dei fabbricati danneggiati dal sisma nei Comuni elencati negli allegati al decreto legge 189/2016 e al decreto legge 39/200. Ciò vale anche nei Comuni interessati da tutti gli eventi sismici verificatisi dopo il 2008 dove sia stato dichiarato lo stato di emergenza.

Se si decide di cedere il credito corrispondente a un’impresa di assicurazione con la contestuale stipula di una polizza che copre il rischio di eventi calamitosi, la detrazione del premio assicurativo al posto del 19% spetta per il 90%. La detrazione per il premio assicurativo non è cedibile.

Prova penetrometrica leggera

Chi può usufruire di tali detrazioni?

Per le persone fisiche, l’utilizzo delle detrazioni è ammesso su al massimo due unità immobiliari, oltre agli eventuali interventi su parti comuni condominiali. In caso di interventi condominiali hanno diritto alla detrazione anche i possessori di sole pertinenze (ad esempio box o cantine) che abbiano partecipato alla spesa.

Coloro che devono sostenere la spesa sono:

  1. Persone fisiche, solo per gli immobili che non sono compresi nei beni dell’azienda o che siano strumentali all’esercizio dell’attività lavorativa professionale;
  2. Condomini, anche con riferimento a edifici composti da due a quattro unità immobiliari distintamente accatastate, anche se posseduti da un unico proprietario o in comproprietà tra più persone fisiche. Per approvare in assemblea condominiale gli interventi legati al superbonus, sono sufficienti i voti che rappresentino la maggioranza degli intervenuti e almeno un terzo del valore dell’edificio;
  3. Istituti Autonomi Case Popolari (IACP), in questo caso la detrazione è possibile per le spese sostenute fino al 31 dicembre 2022 e le spese sostenute nel 2022 vengono divise in 4 rate di pari importo;
  4. ONLUS, dalle organizzazioni di volontariato, le associazioni di promozione sociale e dalle associazioni sportive dilettantistiche.
  5. Cooperative di abitazione a proprietà indivisa per interventi realizzati su immobili dalle stesse posseduti e assegnati in godimento ai propri soci;

Sono in ogni caso escluse le unità immobiliari appartenenti alle categorie catastali A1, A8 e A9, cioè le abitazioni di lusso.

Indagini sismiche

Per concludere

Ecco, questo è tutto ciò che è necessario sapere per ottenere la detrazione del 110% per i propri interventi antisismici e geotecnici.

Se vuoi più informazioni sulla geotecnica e la norma NTC 2018, clicca qui.

Ricorda sempre di affidarti a professionisti certificati per le indagini geotecniche e antisismiche, come in Foldtani.

Controllo geotecnico di base

La geotecnica è una materia vasta e complessa. Il controllo geotecnico di base serve ad individuare i parametri fondamentali del terreno per poter, poi, realizzare le opere edili correttamente.

Questo articolo è diretto verso le persone che “non sono del mestiere“, ma che si approcciano alla geotecnica a causa delle richieste degli Enti e dei progettisti in tema di edificazione.

Trattiamo qui le indagini in terreni sciolti e non rocce (che saranno oggetto di un successivo articolo).

Per caratterizzare il terreno di fondazione (che sia per un opera già realizzata o da realizzare) è importante, in primis, cercare i dati bibliografici della zona (Carte Geologiche, ecc.).

carta geologica
La Carta Geologica

Una volta reperiti, si può passare alle indagini vere e proprie.

Si possono fare le Prove Penetrometriche Dinamiche (DPSH o Leggere) per valutare la consistenza di terreni granulari (sabbie e ghiaie). Ottomi strumenti sono quelli della Pagani Geotechnical.

Penetrometro DPSH
Penetrometro Leggero

Per terreni fini è meglio l’approccio con il Penetrometro Statico, che fornisce più dati. Si può comunque optare anche per il Dinamico.

Terreni sabbiosi prelevati tramite fustella

Altri dati si possono ottenere prelevando, con apposite fustelle in sito, il terreno, per poi avviarlo al Laboratorio Geotecnico, per successive prove.

I dati di permeabilità del terreno possono essere ottenuti con prove in foro o con infiltrometriche (tra gli altri metodi).

Prova in foro

Infine non bisogna trascurare i parametri sismici (ricordate che l’Italia è praticamente tutta soggetta a terremoti), che devono essere ricavati o con prove HVSR o con MASW.

HVSR
MASW

Comunque è sempre bene utilizzare società esperte, come la Foldtani.

Geotecnica con il penetrometro DPM 3020

La geotecnica può essere svolta anche dal nuovo penetrometro DPM3020 di Pagani, appena entrato in casa Foldtani.

osserviamo il nuovo penetrometro
Osserviamolo

Il penetrometro DPM30 consente la realizzazione di prove penetrometriche esclusivamente di tipo dinamiche continue.

Per le prove dinamiche, il penetrometro è dotato di un sistema di battitura formato da un maglio da 30 kg (66 pound) e corsa 200 mm (7,87 inch), azionato da un motore idraulico.

Per il funzionamento è presente un gruppo moto-pompa, dove il motore può essere a benzina o elettrico (220v o 110v).

Per l’estrazione di aste, tubi di rivestimento e campionatori si utilizza un’estrattore idraulico. Il penetrometro è comandato mediante un distributore a pedale.

La connessione idraulica dei vari componenti, è effettuata mediante innesti rapidi. L’affidabilità è comprovata da centinaia di esemplari operativi in Italia e nel mondo.

si lavora

Sul penetrometro DPM30, oltre alla dotazione standard, è possibile anche utilizzare:
• un campionatore per prelevare campioni di terreno a disturbo limitato, garantendo una migliore capacità di interpretazione dei dati penetrometrici;

in moto

La NTC 2018 ovvero il bisogno di una perizia geologica

E’ sempre utile ricordare il perché oggi è necessaria una perizia geologica anche per la costruzione di un muretto in cemento armato e a maggior ragione quando si tratta di ristrutturazioni edili più’ importanti.

Alla base di questa necessità c’è l’aggiornamento delle norme tecniche di costruzione che prendono il nome di “NTC 2018” e sono state diffuse attraverso la Gazzetta Ufficiale nel 2018.

nuova costruzzione dile

In sostanza, si chiede di iniziare un cambio di mentalità nei professionisti del settore (architetti, ingegneri, geometri) ma anche in tutti noi per adeguarsi al modo di agire già consolidato nei paesi più’ avanzati quando si tratta di costruire nuovi edifici (perfino dei muretti di recinzione in cemento armato, appunto) o ristrutturarne dei vecchi.

La figura del geologo diventa cioè essenziale. La perizia geologica-geotecnica firmata è un documento fondamentale nell’incarto progettuale in questo campo. Non solo, anche per le opere definite “strategiche” perché caratterizzate da un forte assembramento di persone (ad es. scuole, ospedali e centri commerciali), la relazione tecnica di un geologo iscritto all’albo nazionale di categoria diventa un obbligo di legge.

Tra i vari uffici geologici attivi su scala nazionale che riempiono questa condizione, la Foldtani.it , ditta consolidata con sede a Desio (MB), è nota per fornire un celere riscontro alle domande edilizie. Il proprio team di esperti si avvale di geologi competenti e fidati che possono rispondere alle domande di chi è poco avvezzo alle pratiche del settore.

Milano visto dal duomo
Milano vista dal Duomo.
La città di Desio, sede della Foldtani.it, è situata nella sua periferia settentrionale.

Prove di carico su piastra

Prove di carico su piastra: controlli in campo

Le Prove di Carico Su Piastra consistono nel caricare (tramite un mezzo di spinta, legato ad un contrasto) con incrementi successivi e regolari una piastra rigida (generalmente circolare) appoggiata sul terreno di prova, misurando il cedimento corrispondente ad ogni gradino di carico, con possibilità di effettuare cicli di carico e scarico.

Queste prove hanno lo scopo di verificare la portanza di sottofondi stradali oppure la capacità portante di terreni di appoggio di fondazioni, pavimenti, sottofondi per parcheggi, ecc.

La prova può essere eseguita in superficie, in pozzetto o a fondo di foro; i risultati sono restituiti sotto forma di un grafico carichi-cedimenti.

La prova consente di determinare diversi coefficienti geotecnici: modulo di deformazione, coefficiente di costipamento, coefficiente di sottofondo, cedimenti di fondazioni superficiali, capacità portante.

Le prove possono essere condotte anche con la Piastra Dinamica

La prova di carico dinamica, chiamata anche prova di carico su piastra dinamica, è un test di verifica della compattazione del terreno che permette di identificarne in modo rapido la portanza.

Questo metodo è molto rapido e permette di eseguire numerosi punti di prova in un lasso di tempo breve.

Inoltre, essendo più piccola della “piastra statica” e non necessitando del mezzo di contrasto, arriva in ogni sito, anche quello più difficile.

Questo metodo di prova viene utilizzato durante i lavori di scavo e le opere di canalizzazione, per determinare la qualità della compattazione degli strati incorporati, persino in fase di incorporazione.

A queste prove può essere abbinata anche la misura di densità in sito, tramite volumometro a sabbia.

Infine si possono aggiungere prove penetrometriche, SPT in foro e quant’alto necessario.

L’importante è che vengano eseguite da personale esperto, come quello di Foldtani !

Penetrometro Dinamico

Il Penetrometro dinamico: questo sconosciuto.

Ecco una breve carrellata d’immagini del Penetrometro Dinamico.

Il Pagani TG 63-100 è un’ottimo strumento, estramamente versatile e robusto !

E’ in grado di operare su quasi tutti i terreni !

Non teme carichi “eccezionali” !

Opera ovunque !

Fornisce un’ottimo supporto per la caratterizzazione geotecnica dei siti.

Può essere calato nelle trincee d’indagine.

Anche se subisce incidenti, grazie alla sua capacità di ripresa & robustezza, basta una lavata, e riparte “come nuovo”.

E’ facilmente trasportabile !

 

Grazie a tutto ciò, la Foldtani srl è in grado di fornire un grosso supporto alla conoscenza geotecnica del territorio.

 

Le indagini geotecniche negli edifici

Premesse

La geotecnica e la tecnica delle fondazioni sono argomenti strettamente correlati perchè da una corretta progettazione, derivante da indagini sulla meccanica del terreno, ne segue l’assicurazione di stabilità dell’edificio. Indagini preliminari del terreno portano ad una corretta progettazione di fondazioni durabili e sicure.

Ad una buona progettazione consegue una ottimizzazione di costi e profitti; quindi i costi delle indagini geotecniche sono ampiamente ammortizzati da quanto già detto.

Fondazioni e terreni

Prendiamo il caso di un terreno argilloso: la valutazione del tipo di fondazione è fondamentale perchè se utilizziamo dei plinti potremmo avere dei cedimenti differenziali nella costruzione derivanti proprio dalla caratteristica del terreno e della presenza dell’acqua nello stesso che comporta cessione in modo diverso a seconda dei punti di appoggio.

Inoltre l’acqua presente nel terreno può risalire per capillarità al piano cantinato, che va coibentato bene.

Vediamo quindi come la conoscenza del terreno è fondamentale per valutare la stabilità futura degli edifici. L’indagine geotecnica del suolo e sottosuolo e l’anamnesi della struttura in elevazione portano ad una corretta scelta del sistema fondale.

Obblighi e normative

Le NTC08 – D.M. 14/01/2008 prevedono, nelle zone dichiarate sismiche, l’obbligo di relazione geologica e geotecnica per la modellazione geologica del terreno e la caratterizzazione sismica.

Inoltre ai sensi dell’art. 1669 C.C. vi è la responsabilità civile del costruttore se nei 10 anni dall’edificazione compiuta esso rovina per difetto di costruzione o per vizio del suolo.

In questi due casi vediamo come il controllo tecnico del suolo sia estrememente rilevante secondo l’impianto normativo.

Il Regolamento Edilizio del Comune di Milano obbliga la compilazione del CIS (certificato di idoneità statica) per gli edifici con più di 50 anni; in tale certificato è richiesto anche la descrizione delle caratteristiche geologiche e geotecniche del suolo.

Le indagini che esegue Foldtani

Foldtani è in grado di eseguire tutta una serie di indagini per una corretta caratterizzazione dei suoli: prove scissometriche tascabili, prove penetrometriche statiche, prove SPT e DPSH (prove a percussione di tipo dinamico), prove di carico su piastra e su rilevati artificiali, prove di densità in sito con volumometro a sabbia, prove di permeabilità in sito con infiltrometri, caratterizzazione sismica con sistema di energizzazione attiva MASW.

L’applicazione di ogni prova varia a seconda del terreno. E’ quindi estremamente importante il controllo del suolo e sottosuolo se vogliamo che il nostro organismo-edificio sia completamente stabile e sicuro. In questa direzione oggi vanno sia le norme che la prassi.